logo-PD-PRATO-500px

Elezioni 2024

Team

L'8 e il 9 giugno si vota a Prato

È possibile visionare le proposte una ad una e commentarle sulla piattaforma Prendi Parte Prato

Candidate e candidati al Consiglio Comunale

Maria Logli

Capolista

«Ciao a tuttə! Ho 27 anni, lavoro come operatrice culturale dell’accoglienza e ricopro il ruolo di coordinatrice della segreteria del PD Prato dopo essere stata Segretaria della giovanile per tre anni. Sono femminista. Mi sono avvicinata alla politica nel 2013, quando ho scoperto nella militanza quello spazio nel quale da individui si diviene parte di una comunità; in cui non esistono le mie o le tue idee, ma le nostre.

Sono laureata in Sviluppo e Cooperazione internazionale con una tesi sulla mia città.

A volte ho pensato che i miei studi mi avrebbero portata lontano da Prato, ma mi hanno sempre riportata qui, perché è qui che c’è il mondo. Insieme a me le tante associazioni e persone che negli anni mi hanno permesso di guardare questa città attraverso i loro occhi e le loro tante storie. Ho l’onore di essere candidata con il PD come capolista, in rappresentanza dell’ascolto che questa comunità ha messo in campo come strumento cardine del suo agire»

Gabriele Alberti

«Sono Gabriele Alberti, ho 45 anni, vivo a Casale con mia moglie e i miei quattro figli, di cui uno adottato e due in affido. Mi candido al Consiglio Comunale di Prato con la lista PD per Ilaria Bugetti sindaca.

Sono stato consigliere e capogruppo della Circoscrizione Sud di Prato dal 2009 al 2014, consigliere comunale e presidente della Commissione sociale nella legislatura 2014-2019 e presidente del Consiglio Comunale nell’ultima legislatura.

Al centro del mio operato negli anni passati e del mio programma per le elezioni 2024 ci sono: politiche sociali e per il terzo settore, con un focus che mi sta molto a cuore ovvero il supporto alle associazioni delle famiglie affidatarie, emergenza abitativa, riqualificazione di spazi pubblici e potenziamento dei servizi nei paesi di Prato.»

Elena Amato

«Ciao a tutt*, mi chiamo Elena Amato e presento la mia candidatura per il Consiglio Comunale.

Sei anni fa io e la mia famiglia abbiamo subito un grave lutto; mia sorella Elisa è stata una vittima di femminicidio.

Da allora i miei ideali di eguaglianza nei confronti di donne e minoranze si sono rafforzati ulteriormente e mi hanno portato a collaborare con le associazioni attive sul territorio sull’argomento, per utilizzare la mia testimonianza come mezzo di informazione e formazione, soprattutto verso i giovani e i giovanissimi.

Adesso la metto e mi metto a Vostra disposizione, sicura che insieme potremo dare voce ed aiutare al meglio la nostra comunità»

Derio Bacci

«Umiltà, sincerità, ascolto.

Con queste tre parole sintetizzo la mia visione del Consigliere Comunale, ruolo per il quale sono candidato. Vivo a Prato da sempre, abito a Iolo e nella periferia sud ho posto le mie radici. Laureato in ingegneria civile, 33 anni, lavoro presso una società di servizi pubblici locali, sono da tempo impegnato nel mondo del volontariato e dell’associazionismo.

Crescendo ho maturato competenze nell’ambito dei lavori pubblici ed una fervente passione per la cura del territorio, combattendo la disaffezione verso una politica che appare distante dalle esigenze delle persone.

Non promesse, ma vicinanza e trasparenza.

A testa bassa, un passo alla volta»

Francesco Bellandi

«32 anni, pratese, architetto in uno studio internazionale.

Sono iscritto al PD dal 2012 e ho ricoperto vari incarichi nei Giovani Democratici e nel Partito Democratico.

Ho sempre cercato di unire impegno politico e rapporto con il territorio mettendo a disposizione la mia professionalità,

ricoprendo la delega allo sviluppo urbano nella segreteria provinciale del PD.

Vorrei lavorare per una politica che non lascia indietro nessuno, si prende cura delle periferie, dei paesi e delle persone.

Vedo Prato come una città dallo spirito contemporaneo e con una forte vocazione europea. Una cittá più equa e a misura di abitante, che coltiva il passato radicato nel tessuto e progetta il futuro nella sostenibilità»

Luca Bof

«Ciao, sono Luca Bof e volevo dirti che mi candido a rappresentare la voce di noi pratesi in Consiglio Comunale. Ho 51 anni, sono nato in Svizzera, a Solothurn, da genitori emigranti e vivo a Prato da quando ero bambino. Sono sposato con Silvia e babbo di Alice e Lorenzo. Nella vita faccio il ragioniere (sono diplomato al Dagomari), in un’azienda del settore edile da 25 anni, ma anche un po’ il pizzaiolo, come volontario nei circoli di Cafaggio, frazione dove sono segretario PD da più di 15 anni. Per me la politica è mettersi a disposizione degli altri, ascolto e condivisione. Perché solo insieme possiamo costruire un futuro migliore per la nostra comunità. Io ci credo, e tu?»

Martina Cacciato

«Nata e cresciuta a Maliseti, è proprio qui che, attraverso attività di volontariato, ho iniziato ad impegnarmi per la costruzione di una comunità aperta ed accogliente, una collettività unita e attiva che mette al centro la cura e la valorizzazione delle persone, delle relazioni e degli spazi.

Lavorando nel mondo del terzo settore, mi adopero ogni giorno per promuovere progetti di prossimità e socializzazione attraverso una preziosa collaborazione con le associazioni del settore operanti nel territorio pratese la cui centralità è il protagonismo di persone di ogni età dai più piccoli ai più grandi. Membro del Consiglio di Presidenza di Arci, mi candido per la prima volta come consigliera comunale con l’impegno di creare una città che sia una rete di sostegno reale e concreto per tutti i cittadini, affinché nessuno venga lasciato indietro»

Maurizio Calussi

«Ho 48 anni, sono laureato in Ingegneria Elettronica e lavoro presso un’azienda operante nel settore elettromeccanico. Mi presento alla carica di consigliere Comunale con entusiasmo, serietà e mosso dalla profonda passione ed amore per la nostra città. Urbanistica, lavoro, decoro urbano e mobilità sostenibile saranno i principali temi a cui mi dedicherò se eletto. Spero di averti accanto, con il tuo sostegno e le tue idee, per disegnare insieme questa bellissima città, vivere le nostre preziose frazioni tracciando il miglior futuro per noi e i nostri figli, mettendo sempre al centro di ogni scelta le persone. Grazie fin da adesso per questo nuovo e bellissimo percorso che faremo insieme»

Edoardo Carli

«Ciao, sono Edoardo, 28 anni. Presidente del Circolo ARCI Orsetti, mi candido per la prima volta in Consiglio Comunale dando seguito alla mia esperienza professionale e personale, critica verso una società individualista e proiettata al consumo.

Laureato in Economia, sono appassionato di sport, tecnologia e impegno nel sociale.

Con dedizione quotidiana mi adopero come volontario per la riqualificazione del Centro Storico. Attento al tema della salvaguardia del territorio; ho sostenuto progetti di innovazione per la sanità. Credo nei valori universali della pace e del rispetto reciproco. Con il tuo sostegno voglio portare avanti queste battaglie per un futuro migliore per la nostra comunità!»

Fabiana Carosella

«Mi chiamo Fabiana Carosella, psicologa psicoterapeuta, e mi presento come candidata per il Consiglio Comunale grazie all’appoggio di un gruppo di amici con cui ho condiviso tempo e idee. Ho deciso di mettere a disposizione della comunità le mie competenze professionali, il mio tempo e la mia passione. Vivo Prato nella sua interezza e so riconoscerne pregi e difetti. I difetti non sono limiti, possono e devono diventare delle opportunità di miglioramento. Tutto questo diventa possibile solo con il lavoro di squadra, proprio come accade nel sociale e nel volontariato, due mondi di cui mi senti parte integrante. Tante cose fatte, tante cose ancora da fare, ma con la volontà di andare sempre avanti. L’obiettivo comune non deve essere l’inclusione, ma l’appartenenza alla comunità»

Giada Chiti

«Sono Giada Chiti, ho 30 anni, sono una consulente finanziaria e vivo nel centro storico di Prato. Mi presento per la prima volta come candidata al Consiglio Comunale al fianco di Ilaria Bugetti con la lista PD. Ho deciso di mettermi a disposizione della mia città in prima persona perché ne sono innamorata: penso che la nostra storia unica, fatta di lavorati, di cenci e di passione vada preservata, mantenuta e portata avanti.

Al centro delle mie proposte ci sono: riqualificazione del centro storico, favorendone una maggiore vivibilità, mobilità e riscoperta, formazione di giovani e politiche di innovazione per fare in modo che l’eccellenza del nostro distretto tessile sia mantenuta e implementata, potenziamento turistico di Prato e una rinnovata proposta culturale e artistica continuativa»

Gianluca Coppini

«Sono Gianluca Coppini, 54 anni, babbo di Sofia. Diplomato in ragioneria, consulente commerciale e gestore di relazioni nel settore immobiliare logistico. Nell’ambito dei valori fondanti del PD mi candido al consiglio comunale perché ritengo che la politica abbia un ruolo cruciale per cambiare in meglio la qualità della vita delle persone. Lo sport è la mia passione, da sempre pratico varie discipline. Questo mio amore è culminato nel 2015 con la nomina a segretario del circolo dello sport del Pd di Prato: unico esempio a livello nazionale. Un percorso che mi ha portato a diventare membro del dipartimento sport nazionale Pd. Fra gli obbiettivi di mandato vorrei facilitare il rapporto tra cittadini, quartieri e pubblica amministrazione per migliorare la gestione del bene comune»

Francesca Faggi

«Sono Francesca Faggi, psicologa e psicoterapeuta. Mi prendo cura da oltre trent’anni di persone, credendo fortemente che tutti abbiano diritto a pari opportunità. Nella mia vita professionale, oltre alla libera professione, mi occupo di progettare e coordinare servizi per persone fragili, anche con collaborazioni a livello regionale e nazionale. Credo nell’impegno, nel coraggio delle proprie idee e nell’importanza del prendersi cura dell’altro con competenza.

“Per occuparsi degli altri occorre il sentimento di giustizia, ossia una profonda empatia per le vicende umane, quel sentire sulla pelle le ferite degli altri che impedisce l’indifferenza, il giudizio e il pregiudizio, frutti velenosi dell’ignoranza” (Don Ciotti)»

Monia Faltoni

«Sono Monia Faltoni, nata e cresciuta a Prato, e sono un avvocata tributarista e di famiglia. Mi sono interessata di politica fin da giovane, prima come segretaria del circolo Pd a Narnali, poi come amministratore fino a diventare assessora al Bilancio nella prima Giunta Biffoni.

Impegnata nel sociale e nel volontariato, amo lo sport e la pittura, e pratico danza fin da piccola. Lavorerò per una città inclusiva prendendomi cura soprattutto delle nostre frazioni con progetti di riqualificazione ambientale e creando per ogni paese luoghi aperti alla socialità come piazze, biblioteche e giardini. Da soli si va veloci, ma assieme arriveremo lontani»

Giannetto Fanelli

«Nato a Prato il 5 novembre 1967 al Soccorso. Diplomato all’istituto Marconi di Prato, laureato in Ingegneria a Firenze nel 1995. Servizio civile nel gruppo obiettori di coscienza Caritas nel 1994.

Impegnato da sempre nell’associazionismo cattolico cittadino, presidente diocesano di Azione Cattolica dal 1998 al 2004.

Sposato con Stefania Dolfi nel 1997, padre di tre figlie (Chiara, Elena e Silvia).

Vivo a Galciana. Libero professionista dal 2001, specializzato in progettazione di impianti e fonti rinnovabili. Consigliere in Circoscrizione Ovest nella lista PD nella legislatura 2009 – 2014.

Consigliere Comunale nella lista PD nella legislatura 2019 – 2024.

Vicepresidente della Commissione 4 (Protezione Civile, urbanistica e ambiente) e del Consiglio Comunale»

Aksel Fazio

«Ciao a tutti e tutte. Sono Aksel Fazio, candidato per il consiglio comunale. Sono un operatore sociale e studente, con una formazione in educazione professionale ed esperienza nel mondo sindacale. Sono responsabile Lavoro e Politiche Sociali per il PD, volontario presso un’associazione che promuove la salute mentale, e ho partecipato a progetti di cooperazione e sviluppo in altri paesi. Credo che la precarietà non si possa contrastare singolarmente, ma che permei ogni ambito della nostra vita, e vada di pari passo con la solitudine e la crisi della rappresentanza.

Per questo voglio promuovere, anche nelle Istituzioni, il lavoro dignitoso e lo stato sociale, perché non c’è sviluppo sostenibile nel solco delle disuguaglianze»

Martina Guerrini

«È arrivato il momento di scegliere il futuro di Prato. La città di domani sarà come noi la costruiremo. Insieme. Sono Martina Guerrini e mi candido per il secondo mandato in Consiglio comunale. Ho una laurea in Scienze Politiche che però non basta per fare politica. Per fare politica servono curiosità, studio e ascolto. E poi la fantasia di immaginare come sarà la nostra città domani. Per fare politica serve una squadra. La mia squadra è reale, è fatta da tutti coloro che ci sono, ma anche coloro che vorranno unirsi e lavorare per costruire una città solidale, in movimento, che cambia, che si sa rinnovare. Moderna ma capace di non dimenticare le proprie radici. Una città che al centro ponga la persona con i suoi bisogni e diritti. Sono pronta a lavorare sull’oggi e immaginare già il domani»

Yvone Lemman

detta Kensci

«Sono Yvone Lemman detta Kensci, mamma di due splendidi bambini. Sono una donna sinta, attivista socio culturale ormai da diversi anni, sensibile alle questioni riguardanti le minoranze storico-linguistiche sinte e rom e alle questioni di genere.

Non sono nata a Prato, ma ho scelto Prato come casa, ho scelto di crescere i miei figli in questa meravigliosa città di opportunità, multietnica, cosmopolita, piena di storie e culture diverse che rendono unica questa comunità!

Mi candido come consigliera comunale perché vorrei contribuire con idee ed esperienze a creare una città ancora più inclusiva e accessibile a tutte e a tutti, che non lasci nessuno indietro perché credo nell’uguaglianza delle cittadine e dei cittadini.»

Nicola Maneschi

«Sono Nicola Maneschi, maturità classica, laurea alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Firenze, avvocato, sposato da quasi vent’anni, padre di due figli. Cinquantadue anni di età. Abito a ridosso del magnifico centro storico di Prato che attraverso a piedi tutte le mattine per andare al lavoro e alla sera per tornare a casa. I miei genitori mi hanno insegnato a faticare. Mia moglie ad impegnarmi. I miei figli a fare la cosa più difficile: ascoltare»

Simone Mangani

«Avvocato, 51 anni, assessore alla Cultura e all’Immigrazione nelle giunte di Matteo Biffoni.

In questi anni abbiamo perseguito l’obiettivo di integrare le strategie istituzionali con le energie del territorio: la decisione di dar vita al Festival “Settembre. Prato è spettacolo”, il nuovo Centro Pecci, la nascita del Palazzo della Musica, le Biblioteche di Casale e di Prismalab, le scelte PNRR per Officina Giovani e Manifatture Digitali Cinema vanno in questa direzione.

E poi: la collaborazione al Capodanno Cinese e alle feste di tante nazionalità diverse, il Piano Lavoro Sicuro e il nuovo Protocollo Anti-sfruttamento e la scelta di confrontarsi a livello nazionale sull’inclusione scolastica attraverso “Scuola Plurale”, la Partecipazione e l’attivazione dell’Osservatorio Macrolotto Zero. Mi candido per rafforzare queste ed altre esperienze»

Serena Mordini

«Sono Serena Mordini ho 57 anni e sono madre di 2 figli. Da 30 anni lavoro nel settore sociale in progetti a sostegno delle persone vittime di tratta e sfruttamento, violenza di genere, oltre ad un tema particolarmente importante per il contesto locale, quello del “lavoro sfruttato”, rilevante per il tessuto socio-economico della nostra città. Condivido i concetti di libertà e autodeterminazione per l’educazione delle persone; il concetto di responsabilità civile e garanzia dei diritti e della dignità dell’individuo, con particolare sensibilità alle tematiche di genere. Il tema della condizione della donna mi appartiene e mi interessa, sempre in una logica di sviluppo e progresso di tutta la cittadinanza.

Un grande grazie.»

Cosimo Ferdinando Moradei

detto Coppi

«Ciao, sono Cosimo Ferdinando Moradei. Sono un medico di famiglia. Ogni giorno mi confronto con i problemi sanitari e sociali con cui tutti abbiamo fatto i conti.

Voglio portare la mia professionalità e le mie competenze al vostro servizio, per curare la nostra città con la stessa passione che dedico ai miei pazienti. Tanto è stato fatto, tanto resta da fare.

Voglio preservare il mondo sanitario, quello di tutti: pubblico, accessibile, al servizio del cittadino, che sappia ascoltare e venire incontro alle necessità.

Per questo mi candido come consigliere comunale nella lista del PD a sostegno della sindaca Bugetti, per portare nelle istituzioni la voce di tutti voi che, come me, amate Prato»

Stefano Nesi

«Mi chiamo Stefano Nesi ho 61 anni, sono un perito tessile, ho esercitato la mia attività lavorativa presso aziende private ed anche come lavoratore autonomo. Attualmente rivesto la carica di presidente del Circolo 29 Martiri a Figline, paese in cui vivo e nel quale assieme ad altri volontari cerchiamo di prenderci cura della nostra comunità attraverso il lavoro quotidiano all’ interno del circolo. Ho dato sempre il mio contributo nelle associazioni del mio paese fin dal 1980, iniziando con la Polisportiva 29 Martiri nell’idea che attraverso lo sport fosse possibile creare una quotidiana condivisione di valori e socialità. Spero, se eletto, di contribuire a dare rappresentanza e voce anche alle istanze delle frazioni periferiche»

Giulia Paolercio

«Ciao, sono Giulia Paolercio, ho 19 anni e sono una studentessa. Ho capito sui banchi di scuola che per cambiare le cose bisogna impegnarsi in prima persona.

Ho seguito attivamente il progetto GiovaniSì della Regione Toscana e ho collaborato con un’associazione che si occupa di prevenzione contro l’abuso sui minori.

Adesso mi candido in consiglio comunale, nella lista del PD, a sostegno di Ilaria Bugetti.

Se vuoi darmi una mano, aiutami a far conoscere le mie idee»

Alan Pona

«Ciao a tutte e a tutti, sono Alan Pona e mi presento come candidato per il Consiglio Comunale. Nato e cresciuto in un piccolo paese di Prato, Tobbiana, (di cui amo la lingua, le novelle e le cuccumegge della vecchia chiesa), da anni mi occupo di insegnamento dell’italiano come lingua seconda e di inclusione scolastica. Con una laurea in Lingue e letterature straniere e un dottorato in Linguistica, sono docente in uno splendido istituto plurale ed eterogeneo. Mi candido perché vorrei mettere la mia esperienza ancora di più al servizio della nostra comunità e portare un po’ di scuola dentro al nostro Consiglio Comunale!»

Matilde Rosati

«Sono una giovane avvocata di 31 anni e svolgo la mia professione nel diritto del lavoro, sindacale e della previdenza sociale. Nel 2019 sono stata eletta consigliera comunale a Prato e mi sono dedicata al confronto e all’ascolto dei bisogni delle persone, attivandomi per tradurli in azioni concrete volte a migliorare il decoro e la qualità degli spazi urbani nella prospettiva di chi li vive ogni giorno. Da donna di legge, mi stanno a cuore i diritti fondamentali delle persone: lavoro, inclusione, giustizia sociale, parità di genere, per i quali continuerò a battermi senza risparmio di energie. Vivo la politica come un servizio reso nell’interesse esclusivo della nostra comunità. Con questo spirito mi candido nuovamente, convinta che insieme si possa costruire un futuro ancora più giusto e inclusivo per tutte e tutti noi»

Giovanna Salaris

«Salve, sono Giovanna Salaris infermiera coordinatrice del Centro Prevenzione Oncologica di Prato candidata al Consiglio Comunale.

Negli anni ho svolto la mia professione nell’area medica, poi nell’ emergenza urgenza e ora nella prevenzione.

Tutti noi sappiamo che la salute è un bene prezioso che deve essere tutelato.

Con il vostro sostegno, vorrei impegnarmi per essere un aiuto per tutti coloro che affrontano i percorsi di cura e avere un ruolo attivo nella valorizzazione degli operatori della salute della nostra comunità.

La voce di ognuno di noi ha valore.

Uniamoci per farci ascoltare»

Arjana Salimusaj

detta Ari

«Sono italo-albanese, sono nata e cresciuta tra Prato e Montemurlo, e sono una giovane democratica. La mia “pratesità” è quella che ormai rappresenta tantissime nuove generazioni, un connubio tra più culture, costumi e tradizioni.

Studio Ingegneria Civile all’Università, e sono stata Rappresentante dellə studentə al Gramsci Keynes.

Dall’ultimo congresso deə Giovani Democraticə di Prato sono la Responsabile Scuola GD, e sono loro a candidarmi in Consiglio Comunale: rappresenterò il percorso della nostra comunità, sognato ed elaborato insieme a chi questa Città la vive e la vuole migliorare tutti i giorni»

Marco Sapia

«Piacere, sono Marco.

Lavoro come consulente aziendale libero professionista e sono laureato in Storia contemporanea. Impegnato da molti anni nel partito e nelle istituzioni, mi candido al Consiglio Comunale di Prato con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita di tutti noi. Vorrei una città sempre più dinamica e aperta allo sviluppo, capace di investire in istruzione, assistenza sociale e sanitaria, infrastrutture per la mobilità sostenibile e difesa dell’ambiente. Ho a cuore il ruolo dei paesi e delle frazioni come modelli di comunità e darò voce ai bisogni e alle idee della cittadinanza per costruire insieme un futuro migliore»

Benedetta Squittieri

«Sono Benedetta Squittieri, assessora al bilancio, sviluppo economico, innovazione del Comune di Prato. Dopo questa importante esperienza, che mi ha permesso di conoscere a fondo storie di tante lavoratrici, lavoratori e imprese, ho deciso di mettermi ancora a servizio della comunità. Sono nata e vivo a Chiesanuova. Fare politica per me significa dare risposte ai problemi concreti: la battaglia per ottenere i 10 milioni di contributi del governo Draghi al distretto tessile (già finanziate oltre 100 aziende per investimenti in innovazione, efficientamento energetico), il sostegno a commercianti, artigiani durante e dopo l’emergenza covid, le politiche per i mercati ambulanti, i progetti sulla sicurezza sul lavoro e sulla formazione, sulla scuola digitale. Sono qui per ascoltarvi e costruire insieme la Prato del futuro: una città accogliente, coraggiosa e del fare. Insieme possiamo fare la differenza!»

Paola Tassi

«Sono nata a Prato, ho due figlie.

Ho il diploma di perito Chimico Tintore, professione che ho svolto per circa venti anni in aziende del distretto tessile pratese, poi mi sono laureata in Progettazione e Gestione Eventi, dell’Arte e dello Spettacolo. Da anni insegno come docente tecnico pratico nei laboratori di chimica delle scuole secondarie.

Sono impegnata, da tempo e con passione, in vari ambiti del volontariato. La stessa passione e senso civico mi hanno spinta verso la candidatura, nelle liste del Partito Democratico, come consigliera di Circoscrizione (eletta nel 2009) e come consigliera comunale (eletta nel 2014 e 2019). Dal 2014 sono stata nominata consigliera provinciale (ente di secondo livello), incarico che continuo a svolgere tuttora, con la stessa determinazione e impegno»

Lorenzo Tinagli

«Mi chiamo Lorenzo Tinagli, ho 27 anni e, dopo il diploma al Liceo Classico F. Cicognini, mi sono laureato in Storia all’Università degli Studi di Firenze. Oggi frequento un master in Scienze elettorali e del governo presso l’Università La Sapienza di Roma.

Da sempre mi sono interessato al bene comune, attraverso la rappresentanza studentesca e politica.

Negli ultimi 5 anni in Consiglio Comunale, da Presidente della Commissione Sviluppo Economico, Finanze, Patrimonio, mi sono occupato dello sviluppo del territorio, cercando di sostenere il nostro distretto attraverso l’ascolto, il confronto, lo studio.

Cinque anni di vicinanza ai bisogni dei cittadini, contribuendo a tessere la nostra comunità. Ora, mi metto nuovamente a disposizione, per continuare insieme ad osservare, riflettere e agire per Prato»

Benedetta Squittieri

«Ciao, sono Edoardo, 28 anni. Presidente del Circolo ARCI Orsetti, mi candido per la prima volta in Consiglio Comunale dando seguito alla mia esperienza professionale
e personale, critica verso una società individualista e proiettata al consumo. Laureato in Economia, sono appassionato di sport, tecnologia e impegno nel sociale. Con dedizione quotidiana mi adopero come volontario per la riqualificazione del Centro Storico. Attento al tema della salvaguardia del territorio; ho sostenuto progetti di innovazione per la sanità. Credo nei valori universali della pace e del rispetto reciproco. Con il tuo sostegno voglio portare avanti queste battaglie per un futuro migliore per la nostra comunità!»