logo-PD-PRATO-500px
,

BOSI E FACCHI: "ANCHE PRATO ADOTTI IL REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI COMUNI URBANI"

24.09.2015

Il Segretario provinciale del Pd di Prato Gabriele Bosi e il Responsabile partecipazione e decentramento della Segreteria provinciale Antonio Facchi hanno incontrato in una riunione gli assessori del Comune di Prato Simone Mangani e Benedetta Squittieri, insieme ai componenti Pd della Prima commissione consiliare, tra cui la Presidente Rosanna Sciumbata. Scopo dell’incontro l’avvio di un approfondimento sulla partecipazione previstalo dal Comune di Prato. “La fine del decentramento amministrativo per come l’abbiamo conosciuto al tempo delle Circoscrizioni richiede un investimento sulla partecipazione dei cittadini al governo della città – dichiara Antonio Facchi – Come Pd vogliamo impegnarci per estendere e migliorare la partecipazione nel nostro Comune”.
Tra le proposte è emersa quella di lavorare affinché il Comune di Prato faccia proprio il “Regolamento per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani” realizzato a Bologna e ripreso già da 40 Comuni a livello nazionale.


“Il regolamento – dichiara Gabriele Bosi, – prevede la possibilità da parte di cittadini singoli o riuniti in associazioni di stipulare patti di collaborazione con l’Amministrazione comunale allo scopo di poter gestire o rigenerare spazi pubblici della città come aree verdi, piazze, strade. Nel nostro territorio questo fenomeno si è già manifestato spontaneamente, ad esempio con i Consorzi impegnati nel rilancio di alcune strade del Centro storico. Proponiamo ora che venga redatto un regolamento semplice e trasparente che preveda il coinvolgimento dei cittadini nella cura dei beni comuni non come un fatto episodico, ma come una possibilità strutturata e concreta di cittadinanza attiva, promuovendo la riappropriazione degli spazi pubblici e ampliando la collaborazione nel governo della città in modo concreto, verificabile e responsabile”.
“In questo percorso che inizia il Pd pratese – concludono Bosi e Facchi – vogliamo coinvolgere anche associazioni, comitati e coloro che in questi anni si sono impegnati nella partecipazione”.

Ultimi articoli
Ricorda

Ultimi eventi