logo-PD-PRATO-500px
, ,

Alternanza tra lezioni in presenza e on-line e classi più piccole: le proposte del forum Scuola del Pd Prato

 In più di cento persone tra genitori, docenti, amministratori locali e amministratori regionali hanno partecipato agli incontri organizzati dal forum scuola del Pd Prato. Partendo dall’emergenza Covid-19, il forum ha affrontato le criticità da risolvere e i bisogni emergenti in vista della ripartenza di settembre.

“Governo, ministro e regioni, per le rispettive competenze, dovrebbero iniziare a indicare come intendono impiegare i fondi – sintetizza il portavoce del forum Alessandro Giorni – Ci siamo chiesti come poter superare, anche sul fronte scuola, la fase dell’emergenza. Occorre consapevolezza che il prossimo anno sarà un altro anno straordinario, non torneremo alla ordinarietà precedente il 4 marzo – aggiunge Giorni – alla luce di questo gli investimenti sugli immobili e sulle tecnologie didattiche saranno senz’altro fondamentali. La scuola potrebbe inoltre strutturarsi in una modalità mista: ad esempio 45 minuti in presenza e il resto online.
“Occorrerebbero inoltre classi piccole, con ad esempio un massimo di 15 alunni. Infine per il nostro territorio auspichiamo il ripristino dell’Osservatorio scolastico provinciale. Crediamo che il PD si debba fare promotore del consolidamento o della riscoperta del concetto di fiducia nella scuola e verso la scuola – conclude il coordinatore del forum – luogo che può e deve tornare al centro del dibattito e delle scelte di politica alta, sia economica sia valoriale”.
Ultimi articoli
Ricorda

Ultimi eventi